Medicreporter

Nevrosi – tipi, sintomi, terapie
La nevrosi è una sindrome che disturba il funzionamento di tutto l’organismo

Nevrosi – tipi, sintomi, terapie

09.03.2016 18:03

Valutazione: 2.0/5 sulla base 2 valutazione

Le ultime ricerche non lasciano illusioni: un italiano su cinque soffre di nevrosi. Scopri come riconoscere i sintomi di questa malattia, come liberarti dei disturbi, nonché i motivi per cui la nevrosi non può essere trattata con leggerezza.

Da cosa deriva?

La nevrosi, nella maggioranza dei casi, riguarda le persone giovani, dopo il ventesimo o il trentesimo anno di vita. Sono particolarmente esposti gli individui che vivono in continue condizioni di stress e le persone con un sistema nervoso particolarmente sensibili. La nevrosi, in molti casi, si manifesta in seguito ad esperienze psicologicamente difficili, come il decesso la malattia di una persona cara.

Al contrario di quanto possa sembrare, non si tratta di un'eccessiva irritabilità, ma di un grave disturbo a livello dell'intero organismo, tale da sfociare in complicazioni molto serie. La medicina ha catalogato diversi tipi di nevrosi - come riconoscerli?

Nevrosi isterica

Questo tipo di nevrosi fa sì che la persona che n'è affetta trovi continuamente sintomi di malattie mortali nel proprio organismo e visiti continuamente l'ambulatorio del medico. Quando lo stato di salute di questa persona è nella norma, il paziente affetto da nevrosi manifesta attacchi di rabbia. La nevrosi isterica può provocare la comparsa di tremori, paresi, svenimenti, e persino disturbi della respirazione e della vista. Questi sintomi così intensi, nella maggior parte dei casi, convincono ulteriormente chi soffre di nevrosi del fatto di essere stato colpito da una patologia mortale. Molto spesso, i presunti problemi di salute rappresentano un pretesto per concentrare su se stessi l'attenzione dell'ambiente circostante.

Nevrosi nevrastenica

Se ogni mattina avverti rabbia e stanchezza pensando al fatto di doverti recare al lavoro o a scuola, probabilmente soffri di nevrastenia. Il cattivo umore mattutino inizia a migliorare verso l’ora di pranzo. Esistono due varianti di questo tipo di nevrosi: iperstenica e ipostenica. Nel caso della prima, i sintomi mattutini possono essere estremamente intensi - attacchi di rabbia, nervosismo e forte irritazione. La nevrosi ipostenica, invece, si manifesta con stanchezza, indebolimento e difficoltà di concentrazione. La nevrastenia, solitamente, colpisce chi non ama uscire di casa e gli introversi.

Nevrosi ossessiva

I disturbi ossessivo-compulsivi, detti comunemente nevrosi ossessiva, sono l’unione di pensieri insistenti e di comportamenti compulsivi con finalità di difesa. Questo tipo di nevrosi si manifesta con regole rigide e con la necessità di ripetere particolari schemi (ad es. lavaggio delle mani, disposizione degli oggetti in un preciso ordine). Il malato avverte un’enorme inquietudine qualora anche un solo elemento del suo schema di azioni venga modificato. La malattia può anche manifestarsi come necessità di pensare continuamente a qualcosa e di effettuare operazioni mentalmente (ad es. contare tutti gli oggetti incontrati su un dato percorso).

Nevrosi fobica

Nel caso della nevrosi fobica, la persona che ne se soffre avverte continuamente una paura irrazionale ed immotivata, accompagnata da inquietudine e tensione. Chi soffre di questo tipo di nevrosi si sente continuamente in una situazione di pericolo. La nevrosi fobica è spesso accompagnata da un’eccessiva sudorazione e da un senso di soffocamento. Questo tipo di disturbo porta al manifestarsi della maggior parte delle fobie (ad es. acrofobia o aracnofobia).

Nevrosi post-traumatica

Questo tipo di nevrosi colpisci coloro che hanno vissuto momenti drammatici - gravi incidenti, aggressioni, violenze ecc. La persona che ne soffre avverte frequenti cefalee e capogiri, tremore delle braccia e delle gambe, eccessiva sudorazione. Le alterazioni cerebrali sono legate ad un trauma difficile da elaborare, a causa del danneggiamento del sistema nervoso. Gli stati fobici cronici, le forti cefalee e le difficoltà di concentrazione testimoniano una reazione post-traumatica avanzata.

Come curare la nevrosi?

Per curare la nevrosi, è bene contattare un neurologo, uno psicoterapeuta o uno psichiatra. I disturbi di questo tipo vengono eliminati con la psicoterapia individuale o di gruppo. I farmaci, in questo caso, vengono messi in secondo piano. Il compito degli specialisti consiste nell’accedere alla causa scatenante e ad insegnare al paziente il modo in cui affrontare le proprie emozioni.

Vedi anche:

Anemia – cause, sintomi e terapia
Anemia – cause, sintomi e terapia
Magnesio – il guardiano della Tua salute
Magnesio – il guardiano della Tua salute
7 consigli per la lotta all’ipertensione
7 consigli per la lotta all’ipertensione

Aggiungi commento:

Commenti:

Queste sono le cose da sapere sulla Tua salute – segui gli articoli più recenti.